Skip to content

Guida Piemonte a Tavola 2024 – Premio “Pizzeria dell’anno”

Novembre 2023

Il 20 novembre a Barolo si è tenuto l’evento di presentazione della Guida “Piemonte a Tavola 2024”, durante il quale Fuori Tempo è stato premiato come “Pizzeria dell’anno”.

È stato un piacere condividere questo onore con due grandi nomi dell’enogastronomia Roerina: l’amico e concittadino Davide Palluda (premiato per il “Piatto dell’anno”) e il priocchese Giampiero Cordero (“Sommelier dell’anno”). Con questo triplo riconoscimento il #Roero si dimostra sempre di più una zona di eccellenza enogastronomica, non solo nel portare avanti una tradizione secolare, ma anche per un modo “nuovo” di intendere la cucina.
I due Canalesi premiati dalla Guida "Piemonte a Tavola: da sinistra "Davide Di Bilio (Fuori Tempo) e Davide Palluda (Ristorante all'Enoteca)

Ecco i premi speciali ottenuti dalle 3 realtà roerine:

“PIZZERIA DELL’ANNO”
Davide Di Bilio della Pizzeria Fuoritempo (Canale, CN)

“Per aver rivitalizzato e nobilitato, con capacità e tecnica, il concetto stesso di pizza e di pizzeria, come nuovo luogo di aggregazione e cultura italiana.”

“PIATTO DELL’ANNO”
Davide Palluda del ristorante All’Enoteca (Canale, CN)

“Per la sua insalata di lumache con prezzemolo, mela, levistico e cosce di rana fritte, capolavoro di profumi e sapori, in equilibrio fra molteplici tendenze gustative.”

“SOMMELIER DELL’ANNO”
Giampiero Cordero di Il Centro (Priocca, CN)

“Per la grande capacità e la travolgente passione con le quali ha costruito una delle più belle cantine d’Italia, ricca di blasonate e rare bottiglie.”

La Guida “Piemonte a Tavola 2024”.

Raccontare le eccellenze enogastronomiche del Piemonte. Ecco l’obiettivo di “Piemonte a Tavola 2024” (al primo anno di edizione) che si propone di (ri)scoprire, provincia per provincia, tutto il buono del Piemonte. Una regione che è stata capace di valorizzare i suoi straordinari prodotti, i suoi inarrivabili vini, i suoi tesori “nascosti”. Una regione che affonda le radici dei propri costumi culinari nei fasti della nobiltà sabauda, e i cui ristoranti oggi si propongono tanto alfieri di una tradizione secolare quanto moderni precursori di un modo ‘nuovo’ di intendere la cucina.

Edita da Post Editori, la Guida è diretta da Gianluca Montinaro, storico delle idee e professore universitario è autore di numerosi saggi e monografie. Dal 2010 è membro del comitato di direzione della Guida Espresso ai Ristoranti d’Italia. È sommelier AIS e collabora a svariate testate nazionali, scrivendo di cibo e di vino.

G A L L E R Y